Così è, se vi pare

Ricevo questa mail da un componente del Comitato per il Decoro urbano:

“Stamani sono andato a vuotare i sacchi di spazzatura nel giardino di Via Severano. Situazione indescrivibile. Sacchi pieni di bottiglie, malgrado abbiamo scritto sopra i coperchi dei traballanti cestini di non buttarcele dentro ma di metterle nella campana del vetro a 3 metri di distanza, e quindi impossibili da trasportare. Ho fotografato il cumulo di rifiuti che si trovano immediatamente fuori dal giardino. Penso che il degrado e l’incuria siano arrivati al massimo.”

Mi aspettavo quindi, che la disperazione e la rabbia di questo signore sfociassero in improperi, urla agghiaccianti all’indirizzo, non solo delle amministrazioni e dell’AMA, ma anche dei concittadini maleducati e barbari che sono anch’essi concausa di questo degrado.

Scarico pertanto l’allegato alla mail e trovo, con mio grande stupore, ciò che segue.

Prima di leggerlo, fate attenzione perché quanto sarà riportato è vivamente sconsigliato alle persone insensibili, a tutti quelli che predicano bene e razzolano male, a quelli che, pur di non fare altri dieci metri per buttare la spazzatura nel cassonetto giusto, la scaricano piuttosto nel giardino del vicino di casa, a tutti quelli che saranno buoni e bravi solo nei prossimi giorni di Natale, a quelli che pensano, al contrario del mio amico che non esiste un “massimo” per il degrado e l’incuria, anche a quelli che dicono della differenziata: “tanto anche se la faccio io gli altri non la fanno” e a tutti quelli che dichiarano di non averne competenza:

 

Questi sono i voti miei

per Comune,circoscrizione e città:

ecco il Natale che vorrei

pulizia,ordine e civiltà.

 

Vorrei che nei giardini

che il decoro urbano pulisce

fossero cambiati i cestini

per evitare topi e bisce.

 

Non c’è dubbio che gli anni passino

e malgrado gli sforzi della Presidente

sempre chiusa è Villa Massimo

e non succede proprio niente.

 

Si affannan quelli del Decoro Urbano

a promuovere sempre nuove aiuole

ma la beltà cercano invano

perché si strappano piante e viole.

 

Indarno si rivolge a uffici la gente

la risposta è sempre uguale

“Non so, non sono competente,

caro signore lavorar tanto è male”.

 

Anche se bar, pasticcerie e cartelloni

crescono spesso abusivi e ingombranti

state pure tranquilli e buoni

e fregatevene dei decreti roboanti.

 

Non si punisce chi sbaglia

anzi si premiano i corrotti

nel nostro Paese c’è una faglia

che lo sprofonda giù in buie notti.

 

Le ammende e le multe non si fanno

tutti agiscono a loro piacimento

all’eletto non deriva alcun danno

e ognuno vive felice e contento.

 

Ma io vorrei ancora essere ottimista

spero in un miracolo improvviso

che esaudisca a Natale la mia lista

e che finalmente allieti il mio viso.

 

Tutto ordinato e pieno di decoro,

abitanti gentili e ubbidienti,

AMA veloce e con mezzo inodoro,

Uffici premurosi e pazienti.

 

Marco

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...