Mea culpa

Occorre fare mea culpa. Roma è in pessime condizioni, sporca, rotta, vecchia, rumorosa, inquinata, obsoleta. Naturalmente è colpa del governo ladro.

Che diciamo della foto in alto? Forse è stato il Sindaco di Roma a rompere il cassonetto della spazzatura, o forse il Presidente dell’AMA o il Comandante della Polizia Municipale. No, queste persone hanno il compito di controllare, far riparare, fare evitare che succeda.

Siamo stati noi a rompere quel cassonetto e lo abbiamo fatto deliberatamente, non è stato un incidente. Ognuno ha le proprie responsabilità senza voler fare i moralisti.

Finalmente a Roma è stato istituito un fantastico servizio di bikesharing. Ad un certo punto si è vista nel quartiere una flotta di biciclette di color arancione disponibili per essere noleggiate senza doverle poi riportare nelle rastrelliere come avveniva nel passato. Tu puoi prenderle dove le trovi oppure le cerchi con un’applicazione nel tuo smartphone e lasciarle dove vuoi. Con la stessa applicazione apri il lucchetto e le puoi adoperare a prezzi veramente interessanti, quando le lasci, chiudi il lucchetto e … il gioco è fatto. Il circuito si chiama “oBike”. Sono tutte controllate da rilevamento satellitare per cui sono rintracciabili con il tuo smartphone e puoi dialogare con l’organizzazione segnalando, ad esempio, eventuali rotture, forature, ecc.

Senza voler fare il pessimista (solitamente non lo sono) mi son detto: chissà quanto dureranno!

?

Ecco! questa è la prova che non ero pessimista ma realista. Il sellino di questa bicicletta non se ne è andato via da solo e i parafanghi (quelli per terra!) non si sono smontati da soli.

Peccato! Perché? Cosa dice la testa del tizio che ha sfogato i propri stupidi istinti asociali contro questa povera bicicletta? L’avrà raccontato agli amici gongolandosi? … “Ah oggi ho rubato il sellino di una bici e ho rotto i parafanghi. Ah ah ah. Che grande che sono!”. Oppure lo ha postato sui social? Ancora più grande!

Sai, caro asociale smontatore di biciclette o grande rompicassonetti che te ne vai in giro magari dicendo che questa è una città sporca e rotta eccetera eccetera, non devi fare queste cose perché non abbiamo una organizzazione sociale così capace di riparare in tempi brevi e purtroppo non è neanche capace di acchiapparvi e farvi pentire amaramente di quello che avete fatto. Chi rompe o sporca o dà fastidio dovrebbe sapere che provoca dei problemi alle altre persone, che non è giusto nei loro confronti e mette nei guai Sindaco, Presidente dell’AMA e Comandante dei Vigili Urbani.

Qualcuno dirà: ma dai, sarà stato qualche immigrato clandestino ubriaco, fanno sempre così, sporcano e rompono. No, caro qualcuno … potrebbe anche essere ma … non ho mai visto un immigrato clandestino ubriaco che porta a spasso il suo cane!

Mea culpa!

 

Valter

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...