Chi fa da sé … non fa per tre ma sicuramente fa!

C’era una volta Villa Torlonia. Era un giardino bellissimo ben curato con fiori profumati dappertutto viali alberati e panchine comodissime. I pini secolari, le palme e i salici regalavano angoli ombrosi sul rigoglioso prato e i bambini giocavano tra gioiosi schiamazzi nel parco giochi ricavato accanto ad un bellissimo canneto. Il parchetto era attrezzato con altalene, scivoli, strutture di legno, sopra un verde e morbido prato inglese curato dal personale del Comune.

Non è vero! Non è stato così almeno negli ultimi 40 anni. Non penso che si possa descrivere così un parco pubblico in tutta Italia, figuriamoci a Roma.

Villa Torlonia è un parco sporchissimo, malcurato, pieno di mosche e zanzare e chissà cos’altro, con alberi di pino pericolanti e con un angolo recintato adibito a parco giochi per bambini, pieno di rovi spinosi, con una staccionata vecchia e marcia, con chiodi arrugginiti che spuntano da poverissimi assi di legno, pieno di cicche di sigarette per terra.

Anche in questo caso si è costituito un gruppo spontaneo di volontari che hanno deciso di dedicare un sabato mattina per ripulire il parco giochi e renderlo non bello come la descrizione in alto, ma almeno privo di pericoli.

Hanno tolto i chiodi arrugginiti e rimesso in sesto la staccionata, hanno tolto i rovi spinosi e pericolosissimi e tutte le erbacce le cicche e la sporcizia dappertutto, tanto che lo spazio a disposizione si è quasi raddoppiato.

Il Comitato per il Decoro Urbano ha partecipato alla pulizia del parco e ha istallato in alcuni punti i barattoli raccoglicicche sperando che i fumatori ne fruiscano evitando di gettare cicche per terra.

Che dire? E’ bello vedere i genitori a lavoro per il parco giochi del proprio quartiere ma è bellissimo vedere anche i bambini a lavoro e oggi abbiamo visto anche questo.

Un cartellone e pennarelli perché ognuno possa dare suggerimenti per migliorare ancora il parco e l’impegno di portare giochi e giocattoli da lasciare a disposizione dei bambini.

Il gruppo di volontari hanno formato una chat su whatsApp che si chiama “Baby Torlonia” e ora sono contenti di ciò che hanno fatto tanto che vogliono ancora incontrarsi.

Bravi ragazzi! Chi fa da sé fa per tre!!!

 

Valter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...