Passeggiate d’agosto

Ero in macchina, quando nella piazzetta all’inizio di Via di Villa Massimo ho dovuto lasciare la macchina accostata all’incrocio con il motore acceso per andare sotto l’albero a vedere di che colore era il semaforo.

Era giallo, allora ho aspettato che diventasse rosso e poi verde e sono tornato di corsa alla macchina per attraversare l’incrocio.

Ho parcheggiato davanti al giardino di Villa Massimo perché ricordo, poco tempo fa, una bellissima immagine del sindaco di Roma, Virginia Raggi che tagliava orgogliosa il nastro dell’inaugurazione del nuovo giardino, restituito al quartiere e ai cittadini, tornato al suo antico splendore, anzi rinato ad un nuovo look per la nostra gioia.

Io ancora non lo avevo visitato ma avevo in mente la foto del servizio di Roma Today con la sindaca e un manipolo di ragazzini.

“Che bello”, pensavo mentre parcheggiavo, potrò portare i miei nipotini a giocare ogni giorno. Ho saputo che hanno allestito un parchetto per i bambini con i giochi.

Si divertiranno un sacco!

Poi immagino ci sia tanto verde e tanta ombra il giardino sarà curato e quindi sicuro da ogni pericolo per i bambini. Speriamo non ci sia la calca visto che il nostro quartiere è pieno di bambini e nonni, come me, che non perdono occasione di portare al parco i nipotini.

Oh, perbacco! qualcuno ha dimenticato dei mattoni forse distrattamente ma … sarà questa Villa Massimo ho forse ho sbagliato strada? Ma prima, … tanti anni fa … forse … mi ricordo che c’era tanto verde e poi, scusa, non l’hanno rifatto?

Andiamo a vedere il parchetto per i bambini, senz’altro lì ci sarà il prato all’inglese, le aiuole fiorite, forse anche delle panchine dove poter guardare i bimbi felici scorazzare e …

Oh! Scusi, signora, dov’è il parco giochi per bambini? Ah! E’ questo? Senza aiuole? E, i fiori? Ah non ci sono … i giochi? Solo questi tre? Due molloni e un dondolo? Si … non ci sono problemi io ho solo tre nipotini quindi può andar bene. Grazie delle informazioni.

Beh! Che dire? Intano la Villa finalmente è riaperta. Si, forse non è molto frequentata, chissà se il Sindaco di Roma è ancora così orgogliosa.

Tanto, cari amici romani ormai siamo abituati a queste amarezze, siamo vaccinati. So che avete fatto tanto per farlo riaprire … vabbé accontentiamoci.

Vedete i nostri amministratori sono fatti così, noi pure, ci adattiamo, i semafori nascosti, le buche sulle strade e sui marciapiedi. Siamo comunque orgogliosi di essere italiani.

Che ne sanno i nostri amici europei delle nostre capacità. Loro saranno bravi, rigidi, rispettosi, ordinati, ma volete mettere l’allegria degli Italiani, la capacità di adattarsi? No, nessun italiano cambierebbe mai ad esempio con la Germania. Lì fa freddo, poi troppo precisi, no, no, non se ne parla.

Qui le cose andranno sempre così e a noi… sta bene così!

 

Valter

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...